Sede legale: via Tiziano n. 44, 60125 ANCONA
PEC: erdis@emarche.it
Codice fiscale e P. IVA: 02770710420

Compiti del CUG

ERDIS: ENTE REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO

COMPITI:

Il CUG esercita compiti propositivi, consultivi e di verifica ad esso spettanti ai sensi dell’articolo 57, comma 3, del d.lgs. 165/2001 (così come introdotto dall’articolo 21 della legge 183/2010) e specificati nella Direttiva 4 marzo 2011, aggiornata dalla Direttiva n. 2 del 26 giugno 2019, e le funzioni e compiti attribuiti dalla normativa nel tempo vigente.

Nello specifico, al CUG spettano:

COMPITI:

Il CUG esercita compiti propositivi, consultivi e di verifica ad esso spettanti ai sensi dell’articolo 57, comma 3, del d.lgs. 165/2001 (così come introdotto dall’articolo 21 della legge 183/2010) e specificati nella Direttiva 4 marzo 2011, aggiornata dalla Direttiva n. 2 del 26 giugno 2019, e le funzioni e compiti attribuiti dalla normativa nel tempo vigente. Nello specifico, al CUG spettano:

– Compiti propositivi
– Compiti consultivi
– Compiti di verifica

Compiti propositivi su:

– predisposizione di piani di azioni positive, per favorire l’uguaglianza sostanziale sul lavoro tra uomini e donne;

– promozione e/o potenziamento di ogni iniziativa diretta ad attuare politiche di conciliazione di vita privata/lavoro e quanto necessario per consentire la diffusione della cultura delle pari opportunità;

– temi che rientrano nella propria competenza ai fini della contrattazione integrativa;

– iniziative volte ad attuare le direttive comunitarie per l’affermazione sul lavoro della pari dignità delle persone, nonché azioni positive ad esse connesse;

– analisi e programmazione di genere che considerino le esigenze di conciliazione di vita e lavoro delle donne e quelle degli uomini (es. bilancio di genere);

– diffusione delle conoscenze ed esperienze e di altri elementi informativi, documentali, tecnici e statistici sui problemi delle pari opportunità e sulle possibili soluzioni adottate da altre amministrazioni o enti, anche in collaborazione con la Consigliera di parità del territorio di riferimento;

– azioni atte a favorire condizioni di benessere lavorativo;

– azioni positive, interventi e progetti, quali indagini di clima, codici etici e di condotta, idonei a prevenire o rimuovere situazioni di discriminazioni o violenze sessuali, morali o psicologiche ;

– mobbing e straining

– nell’amministrazione.

Compiti consultivi, formulando pareri su:

– progetti di riorganizzazione dell’amministrazione;

– piani di formazione del personale;

– orari di lavoro, forme di flessibilità lavorativa e interventi di conciliazione;

– criteri di valutazione del personale;

– contrattazione integrativa relativa ai temi che rientrano nelle proprie competenze.

Compiti di verifica su:

– risultati delle azioni positive, dei progetti e delle buone pratiche in materia di pari opportunità;

– esiti delle azioni di promozione del benessere organizzativo e prevenzione del disagio lavorativo;

– esiti delle azioni di contrasto alle violenze morali e psicologiche nei luoghi di lavoro

– mobbing e straining;

– assenza di ogni forma di violenza e di discriminazione, diretta e indiretta, relativa al genere, all’età, all’orientamento sessuale, alla razza, all’origine etnica, alla disabilità, alla religione e alla lingua, nell’accesso, nel trattamento e nelle condizioni di lavoro, nella formazione professionale, promozione negli avanzamenti di carriera, nella sicurezza sul lavoro.

Il CUG promuove, altresì, la cultura delle pari opportunità e il rispetto della dignità della persona nel contesto lavorativo, attraverso la proposta agli organismi competenti, di piani formativi per tutti i lavoratori e tutte le lavoratrici, anche attraverso un continuo aggiornamento per tutte le figure dirigenziali.

Translate »